Citazione da: Aldo Cazzullo – Il posto degli uomini – Mondadori, 2021

Se Dante parla a ognuno di noi, anche la scena dell’incontro con Beatrice ci riguarda. Proviamo a chiederci cos’abbiamo sentito nel rivedere, a distanza di anni, la persona amata. Non abbiamo forse anche noi pensato che non si smette mai del tutto di amare? Non ci dà ancora i brividi incontrare, dopo tanto tempo, una persona che è stata importante, che abbiamo continuato a vedere nei sogni, che abbiamo pensato almeno una volta al giorno tutti i giorni, che abbiamo ritrovato in un angolo inatteso della mente quando meno ce l’aspettavamo?

Esiste la complicità dell’amore preso e dato: un uomo e una donna che sono stati legati da un sentimento e da una consuetudine non saranno mai due estranei. ed esiste l’amore che non è mai diventato passione erotica, ma rappresenta un ponte, un confine un passaggio verso una dimensione superiore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...