11 NOVEMBRE

Il giorno 11 novembre, nel Regno Unito, è il giorno in cui si ricordano i caduti della Prima Guerra Mondiale, si vedono in giro la maggior parte delle persone con un fiore rosso all’occhiello, rosso come il colore del sangue versato.

In Italia, anche quest’anno il 4 novembre è destinato a passare non dico sotto silenzio, ma quasi. Mentre, per carità di patria, mi sono astenuto da qualsiasi commento, ho  propostoo una poesia dedicata ai cappellani militari, scritta dall’on. Carlo Delcroix , che era amico di mio padre e che, anche se all’epoca ero solo un ragazzo, ebbi l’onore di conoscere nei primi anni ’60.

lapide

(nota. secondo altre fonti, i versi sono da attribuire a Giuseppe Ungaretti)

La poesia scritta è incisa su una lastra di zinco all’entrata della galleria del Castelletto delle Tofane di Rozes (BL):

Fonte: Alberto Friso – Preti in trincea – Messaggero di Sant’Antonio, sett 2017

Il modo in cui noi italiani stiamo trascurando il 150° anniversario della Grande Guerra e perdiamo il nostro tempo, dall’una e dall’altra parte, in polemiche, è vergognoso. Nel Regno Unito, paese che non si può certo definire “fascista”, sono state realizzate celebrazioni importanti, mostre  ed altre iniziative; come ho detto sopra, ogni anno, ancora adesso, dopo un secolo e mezzo, il giorno 11 novembre, la maggior parte delle persone porta un fiocchetto rosso all’occhiello in memoria dei caduti, detto “the poppy” (il papavero).

 

 

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...