Profitti di guerra

In tempi difficili, viene sempre l’idea di imposte sui così detti profitti eccezionali, tipico il caso dei profitti di guerra.

A parte il fatto che, pur essendo in un momento difficile, non siamo in guerra, l’iniziativa di tassare i così detti extra profitti ottenuti producendo energia rinnovabile, senza peraltro tassare le altre forme di energia, mi sembra nel complesso controproducente: che senso ha, se veramente si  ritiene di portare avanti una politica di transizione energetica, disincentivare gli unici che possono farla effettivamente  e cioè gli investitori privati ed i gestori di fondi d’investimento, che in buona parte dei casi gestiscono fondi pensione di investitori esteri? Per decenni abbiamo criticato i governi che non riuscivano a pensare ad altro che ad aumentare il prezzo della benzina per fare un po’ di cassa ed ora un governo – che fino ad ora ha operato nel complesso bene – non riesce a pensare di meglio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...