L’opinione

Se un giornale di sinistra parla male della destra (e viceversa), il lettore avveduto non crede neppure la metà. «E logico che dica ogni male: è di sinistra! (e viceversa)».

Se l’opposizione critica il governo (e viceversa), il cittadino smaliziato non si lascia ingannare. «Per forza — pensa — sono avversari politici!».

Se gli industriali dichiarano inaccettabili le proposte dei sindacati, l’osservatore attento resta scettico. «Sarebbe strano che fossero d’accordo: hanno interessi talmente contrapposti!».

Invece se un giornale anticlericale parla male del clero, se un movimento anticristiano dice peste e corna dei cristiani, se i propagandisti dell’ateismo radicale insultano le religioni, succede una cosa strana: ci credono tutti! Persino i preti, i cristiani, i devoti sono disposti a credere di più ai giornali anticlericali che ai loro vescovi.

I documenti non li legge nessuno, le prediche le ascoltano in pochi, le opere della comunità cristiana non fanno notizia. Quello che è certo, magistero davvero infallibile e osservazione assolutamente discutibile, è il titolo del giornale che lamenta, contesta, critica il papa, il vescovo, il parroco.

Che i credenti siano diventati creduloni?

(Tratto da: Mario Delpini, Con il dovuto rispetto, San Paolo, Milano, 2017)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...