Sistema elettorale

In Italia, a partire dai referendum promossi da Mario Segni nel 1991 e 1993, si è tentato di dare stabilità ai governi garantendo loro una maggioranza parlamentare: per ottenere ciò sono stati usati algoritmi elettorali spesso cervellotici e di difficile comprensione. Mi domando se non sia più semplice e più corretto cercare la stabilità modificando il meccanismo della fiducia parlamentare, introducendo il meccanismo detto di “sfiducia costruttiva” come in Germania oppure semplicemente prevedendo una maggioranza di metà più uno per il voto di fiducia, ma richiedendo per la sfiducia la maggioranza dei due terzi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...